T-Shirts Serial Killer

  << Home Serial killer italiani e stranieri




     Fenomenologia

  Definizione Serial Killer
  Prospettiva comportamentista
  Dinamiche comportamentali
  Patologie Serial Killer
  Modelli Motivazionali
  L’infanzia dei Serial Killer
  Le Fantasie violente

     Biografie Serial Killer

  Ted Bundy
  Jeffrey Dahmer
  Andrey Cikatilo
  Richard Ramirez
  Charles Manson
  Aileen Wuornors
  Albert Fish
  Ed Kemper
  David Berkowitz
  Peter Kurten
  Arthur Shawcross
  Gianfranco Stevanin
  Donato Bilancia
  Marco Bergamo

     Mix & Shop

  Novità Editoriali
  Serial Killer Libri
  Serial Killer eBook
  Serial Killer DVD
  Serial Killer T-shirts

     Altre Risorse

  Articoli di Criminologia
  Romanzi Noir
  Serial Killer e Satanismo

 

 

















zstore0402

Serial Killer - Arthur Shawcross

SHAWCROSS_arthur08

Nome Completo: Arthur John Shawcross
Soprannome: Genesee River Killer
Nato il: 06/06 1945 - Morto il: in vita
Vittime Accertate: 13

Arthur Shawcross
Video

MODUS OPERANDI: Uccisione per strangolamento; ritorno sulla scena del delitto per infierire e deturpare i cadaveri con particolare accanimento; riferiti, ma dubbi, episodi di cannibalismo....

Biografia Serial Killer: Arthur Shawcross

Biografia tratta da: “www.latelanera.com" di Giuseppe Pastore

Pag. 2 - Passando dall’infanzia all’adolescenza, la situazione peggiora ulteriormente. Se da un lato Arthur è del tutto estraniato dal mondo reale e trascorre le giornate a vagare per i boschi, seguitando a parlare coi suoi immaginari compagni, dall’altro la sua attività sessuale subisce ancora un’accelerazione.

La fame di sesso

Da quando ha compiuto quattordici anni, intrattiene stabilmente una relazione di sesso orale con sua sorella Jeannie, sua cugina Linda, e un’altra adolescente che abita nei paraggi. In particolare, racconterà, un giorno viene sorpreso dal fratello di quest’ultima mentre le pratica del sesso orale e il ragazzo, minacciando di rivelare tutto ai suoi genitori, lo costringe a fare altrettanto con lui. È in questo periodo che la fame di Shawcross per il sesso si mostra in tutta la sua insaziabilità, ed è in questo periodo che si forma nella sua mente il legame sesso-violenza.

Un giorno, mentre sta tornando da scuola, un uomo lo obbliga a salire sulla sua auto e tenendogli un coltello puntato alla gola gli pratica una fellatio. Arthur, però, non raggiunge l’orgasmo, e l’uomo, contrariato, decide di sodomizzarlo e picchiarlo. Da questo momento in poi, Shawcross non riuscirà più a provare piacere senza usare violenza. Negli anni successivi, finita la scuola, cambia lavoro in continuazione, senza trovare un equilibrio professionale e soprattutto personale. Compie alcuni piccoli furti d’animali per i quali viene arrestato. È diciannovenne quando, nel 1964, si sposa. Il matrimonio però dura solo quattro anni, durante i quali diventa padre.

Arthur Showcross in Vietnam

 Una tappa fondamentale del suo percorso da assassino è l’anno 1968. Shawcross viene spedito a combattere in Vietnam, ed è qui che imparerà cosa significa uccidere. L’orrore iniziale per la bruttezza della guerra viene presto sostituito dal piacere per l’essere “predatore”. Come racconterà dopo l’arresto, in guerra si rende protagonista di straordinarie violenze nei confronti di donne vietnamite. Un giorno s’imbatte per caso in due di loro che nascondono armi in un albero cavo. Spara a una alla testa, e lega l’altra a un albero. Mentre è ancora viva, decapita la prima e sistema la sua testa su un palo, in modo che sia ben visibile ai soldati nemici che passeranno di là, le asporta una fetta di carne dalla gamba, la cuoce al fuoco e la mangia.

Costringe invece la seconda a praticargli sesso orale, dopodichè spara anche a lei. «Il Vietnam ha tirato fuori i miei istinti animali» dirà in seguito, cercando tuttavia di giustificare il suo comportamento con gli orrori propri del conflitto; come vedremo, sarà proprio una sua peculiarità quella di trovare continuamente miserevoli giustificazioni alle sue terribili gesta. Uno dei più suoi agghiaccianti resoconti sarà il seguente: «Le puttane vietcong s’infilavano lamette nelle vagine, nascosti in piccole coppette delle quali non potevi sapere niente, fino a che non era troppo tardi.

Quando i soldati le avrebbero scopate, si sarebbero affettati il pisello, o se lo sarebbero tagliati del tutto. Un giorno ero con certi ragazzi coreani: presero una puttana, le infilarono un idrante dentro e aprirono l’acqua. Morì all’istante. Il suo collo saltò lontano un piede dal resto del corpo. Un’altra volta, acchiappammo un’altra puttana e la legammo a due alberi piegati verso il basso. Aveva una lametta nella vagina, si tagliò dall’ano al mento, poi lasciammo andare gli alberi e lei si squartò a metà. La lasciammo così, a penzolare.


PAG. | PRIMA | SECONDA | TERZA | QUARTA | QUINTA | SESTA | SETTIMA | OTTAVA | ARTHUR SHOWCROSS VIDEO




  Definizione di Serial Killer
  Assassino seriale
  Prospettiva comportamentista
  Dinamiche comportamentali
  Patologie dei serial killer
  Modelli motivazionali
  L'infanzia del serial killer
  Le fantasie violente
  Cacciatori di Serial Killer
  Omicidi seriali in Italia
  Biografie di serial killer
  Serial Killer e Satanismo

         Shop | Libri Serial Killer     Serial Killer eBook     Serial Killer DVD     Serial Killer T-shirts

COPYRIGHT © 2007 | http://iserialkiller.altervista.org | ALL RIGHTS RESERVED