T-Shirts Serial Killer

  << Home Serial killer italiani e stranieri




     Fenomenologia

  Definizione Serial Killer
  Prospettiva comportamentista
  Dinamiche comportamentali
  Patologie Serial Killer
  Modelli Motivazionali
  L’infanzia dei Serial Killer
  Le Fantasie violente

     Biografie Serial Killer

  Ted Bundy
  Jeffrey Dahmer
  Andrey Cikatilo
  Richard Ramirez
  Charles Manson
  Aileen Wuornors
  Albert Fish
  Ed Kemper
  David Berkowitz
  Peter Kurten
  Arthur Shawcross
  Gianfranco Stevanin
  Donato Bilancia
  Marco Bergamo

     Mix & Shop

  Novità Editoriali
  Serial Killer Libri
  Serial Killer eBook
  Serial Killer DVD
  Serial Killer T-shirts

     Altre Risorse

  Articoli di Criminologia
  Romanzi Noir
  Serial Killer e Satanismo

 

 

















zstore0402

Serial Killer - Andrei Cikatilo

Nome Completo: Andrei Romanovich Chikatilo
Soprannome: il Mostro di Rostov
Nato il: 16/10 1936 Morto il: 14/02 1994
Vittime Accertate: oltre 53

Andrei Cikatilo
Video

MODUS OPERANDI: Addesca le sue vittime per strada, gli propone di raggiungere posti più tranquili, seguono poi sevizie, mutilazioni sessuali, episodi di cannibalismo, questo inizia a morsi quando queste sono ancora vive, infatti provoca ferite superficiali per vederle lottare e piangere....

Biografia Serial Killer: Andrei Cikatilo

Biografia tratta da: “www.latelanera.com" di Emiliano Maiolo

Parte 1 - I sospetti sull’omicidio della piccola Lena cadono su di lui. La polizia sta interrogando casa per casa e alcuni residenti dichiarano di aver visto Chikatilo nella zona al momento dei fatti, ma sua moglie lo scagiona subito affermando che è stato a casa tutta la notte. Così le ricerche prendono un’altra direzione. Ormai è inarrestabile.

Omicidi successivi al primo: ouverture di sangue

La sua prossima vittima è una diciassettenne di nome Larisa Tkachenko. Quel 3 settembre 1981 ha marinato la scuola cittadina di Rostov e lo incontra per strada. Iniziano a chiacchierare e lui propone di raggiungere un posticino tranquillo in una pineta fuori città. Strada facendo in mezzo alla boscaglia, l’odore della pelle e il sudore della ragazza sono sufficienti a scatenarlo tanto da spingerla a terra e iniziare a spogliarla. Le ficca in gola un pugno di terra per smorzare le sue urla e poi la strangola. Con questo inizia a defluire in lui quella sensazione di benessere abbinata alla lussuria, che lo strappa via dalla vittima solo quando è morta.

Col passare del tempo e soprattutto dei morti, affina la sua tecnica abbastanza da permettergli di mantenere in vita più a lungo le prede per soddisfare le proprie voglie. Con il coltello provoca ferite superficiali per vederle lottare e piangere di più, poi mangia gli organi genitali. Preferisce che quando fa questo loro siano ancora vive, mentre gli strappa a morsi i capezzoli, il naso e la punta della lingua prima di recidere gli occhi. Nove mesi più tardi la prossima vittima: una tredicenne che gli regala l’orgasmo solo dopo il sangue e le urla. La stessa sorte tocca a una ragazza di quattordici anni seguita di un mese da un bambino di nove. E ancora tre giorni dopo una sedicenne viene uccisa, passano due settimane e succede lo stesso a una di diciotto e a un ragazzo di sedici. E’ una lista lunghissima.

Dai corpi delle femmine asporta il seno a colpi di coltello, distrugge l’utero e l’addome, sui maschi mutila il pene, lo scroto e l’ano. Oltre naturalmente a cibarsi di alcune parti. La furia omicida accelera al punto tale che la polizia scopre un cadavere al giorno. Intanto Andrei lascia il suo lavoro d’insegnante per uno di commesso viaggiatore, questo implica di dover viaggiare abbastanza distante dalla familiare Rostov per conto della ditta. Proprio attraverso questi viaggi trova un’ampia scelta di giovani vittime da colpire, oltretutto scagionandolo per la distanza da eventuali sospetti. Molte di queste infatti vivono centinaia di miglia lontano dalla sua abitazione rendendo difficile un qualsiasi collegamento dei fatti.

Nell’estate del 1983 uccide una sedicenne dell’Armenia, poi una ragazza russa di tredici, seguita da una ventiquattrenne senza fissa dimora, un ragazzo di diciotto e una prostituta di diciannove e ancora uno studente di soli quattordici anni. L’anno dopo li seguono una diciottenne e un alcolizzato che viene ritrovato senza naso e con il labbro superiore strappato. Non lo ferma nemmeno la scoperta di un ragazzino di undici anni nei dintorni di casa sua, due mesi dopo, con 54 pugnalate. Nel maggio del 1984 è la volta di Tanya Petrosan e della figliola undicenne Sveta durante un picnic. La bambina si allontana con la sua bambola lasciando la madre in compagnia del demonio. La donna tranquilla e rilassata invita Chikatilo a consumare un rapporto sessuale, ma quando si accorge che è impotente inizia a deriderlo.

Saranno le ultime risate prima di trovarsi piantato nella testa un coltello da cucina. Quando più tardi la bambina fa ritorno e vede il corpo della madre in un lago di sangue in mezzo al prato inizia a urlare. La ritroveranno decapitata. Seguono altri tre cadaveri privati dell’utero. Stavolta durante l’autopsia viene identificato lo sperma di un maschio con gruppo sanguigno AB al quale appartiene “solo” il 6% della popolazione russa. E’ il primo errore, ma non basta, fermato e interrogato viene rilasciato nonostante i numerosi sospetti perché il suo sangue appartiene al gruppo A.

Sollevato per averla fatta franca, il suo regno di terrore continua, come e più di prima. Si rifà subito con una diciottenne strangolandola e colpendo 34 volte prima di ucciderla, poi le strappa gli occhi. La pressione delle autorità aumenta e il mostro di Rostov si prende un anno sabbatico diminuendo la sua attività, ma solo per poco, per iniziare con sei nuovi omicidi. Ormai l’area intorno a Rostov «scotta» sorvegliata giorno e notte da agenti in borghese, Andrei ne è consapevole e decide di uscire dal suo habitat per colpire una giovane donna di ventidue anni sistematicamente mutilata dei capezzoli e degli organi genitali.

Il 19 novembre 1990 a Novocherassk è il giorno del suo arresto e l’anno in cui ucciderà 8 volte, confesserà altresì 53 delitti così ripartiti: 21 bambini, 14 bambine e 18 giovani donne, tutte violentate, mutilate e in parte mangiate, ammettendo anche di aver provato eccitazione sessuale nel farlo. Che quella sessuale sia stata del resto la causa scatenante nessuno ha più dubbi. Sono passati dodici anni dal primo omicidio. Il regno di terrore di una generazione.


PAG. | PRIMA | SECONDA | TERZA | QUARTA | QUINTA | ANDREY CIKATILO VIDEO




  Definizione di Serial Killer
  Assassino seriale
  Prospettiva comportamentista
  Dinamiche comportamentali
  Patologie dei serial killer
  Modelli motivazionali
  L'infanzia del serial killer
  Le fantasie violente
  Cacciatori di Serial Killer
  Omicidi seriali in Italia
  Biografie di serial killer
  Serial Killer e Satanismo

         Shop | Libri Serial Killer     Serial Killer eBook     Serial Killer DVD     Serial Killer T-shirts

COPYRIGHT © 2007 | http://iserialkiller.altervista.org | ALL RIGHTS RESERVED