T-Shirts Serial Killer

  << Home Serial killer italiani e stranieri




     Fenomenologia

  Definizione Serial Killer
  Prospettiva comportamentista
  Dinamiche comportamentali
  Patologie Serial Killer
  Modelli Motivazionali
  L’infanzia dei Serial Killer
  Le Fantasie violente

     Biografie Serial Killer

  Ted Bundy
  Jeffrey Dahmer
  Andrey Cikatilo
  Richard Ramirez
  Charles Manson
  Aileen Wuornors
  Albert Fish
  Ed Kemper
  David Berkowitz
  Peter Kurten
  Arthur Shawcross
  Gianfranco Stevanin
  Donato Bilancia
  Marco Bergamo

     Mix & Shop

  Novità Editoriali
  Serial Killer Libri
  Serial Killer eBook
  Serial Killer DVD
  Serial Killer T-shirts

     Altre Risorse

  Articoli di Criminologia
  Romanzi Noir
  Serial Killer e Satanismo

 

 

















zstore0402

Serial Killer - L’infanzia

00

L'infanzia del serial killer: ambiente sociale ed eventi formativi

Pag. 2 - Un soggetto racconta di come i genitori fossero proprietari di un negozio di alimentari e passassero tutto il giorno al lavoro. Durante la giornata passava il tempo con familiari o con vicini. Racconta di essere stato ripetutamente seviziato da un vicino e che quando denunciò l'episodio ai suoi essi dettero la colpa a lui accusandolo che stava inventando tutto per attrarre l'attenzione. Molto frequenti sono anche i racconti in cui i soggetti dichiarano che le liti in famiglia erano all'ordine del giorno. Un criminale descrive come fosse costretto a vedere sua madre picchiata brutalmente dal padre ogni giorno.

Frequenti sono i casi in cui il bambino stesso è il destinatario della violenza; da un punto di vista fisico vengono spesso picchiati dal padre, a causa di qualcosa ma spesso anche senza un motivo particolare, da un punto di vista psicologico spesso sono le madri sole a mettere in atto punizioni eccessive ed umilianti

Esperienze sessuali

L'abuso sessuale o le esperienze sessuali devianti in giovane età sono spesso considerate esperienze traumatiche di primo livello per giustificare la condotta dell'individuo da adulto.
Nel nostro caso, in nove casi i soggetti hanno dichiarato di essere stati vittime di violenze sessuali ; altri nove soggetti hanno descritto di aver assistito ad un'attività sessuale anormale o disturbante di un genitore; in undici casi dicono di aver assistito ad attività sessuali disturbanti di parenti o amici (un soggetto dichiara di essere stato molto scioccato di aver sorpreso la sua ragazza a letto con un altro).

Altre esperienze sessuali sono state rinvenute nelle anamnesi come la contrazione di malattie (un soggetto dice di aver preso la gonorrea dopo la prima volta con una prostituta), interventi chirurgici, (un altro soggetto dichiara un atto di auto-mutilazione all'organo genitale per punirsi di cattivi pensieri). Situazioni sessuali fortemente traumatiche erano presenti per diciannove intervistati, con esempi di cattiva reazione dei genitori alla masturbazione, offesa e messa in discussione della sessualità del bambino, e/o l'osservazione di altri compagni o amici nell'atto di praticare atti omosessuali. Quando interrogati più dettagliatamente sulle violenze sessuali subite, dei ventotto che hanno risposto, dodici hanno riferito di essere stati abusati nella prima infanzia (da1 a 12 anni) , nove durante l'adolescenza e dieci quando erano adulti.

Queste esperienze includono principalmente episodi vissuti in famiglia ("Sono stato a letto con mia madre quando ero piccolo" "mio padre mi ha violentato ripetutamente da quando avevo quattordici anni"). Le performance sessuali dei soggetti da adulti rimanevano nella stragrande maggioranza dei casi prevalentemente a livelli fantastico e autoerotico. Da adulti, quasi metà dei criminali hanno confessato una aperta avversione per il sesso. Problemi sessuali riconosciuti dall'intervistato predominavano in tre quarti dei soggetti. Più della metà descrivevano se stessi come ignoranti in materia sessuale, quasi il 70 per cento ha ammesso di sentirsi sessualmente incompetente; il 56 per cento confessa disfunzioni sessuali ed infine il 30 per cento esprime preoccupazione per quello che concerne le dimensioni del membro.

Alcuni erano preoccupati perché si sentivano diversi dagli altri mentre altri hanno affermato di preferire il sesso con donne morte. Gli intervistatori sospettarono che i sedici intervistati che non risposero alla domanda sull' età della prima esperienza di sesso con un partner conseziente non avessero avuto esperienza alcuna. Fra gli interessi dal punto di vista del sesso la pornografia ha ottenuto il punteggio più alto con l'81 per cento (venticinque su trentuno risposte), a seguire la masturbazione compulsiva (79 per cento) e il feticismo (72 per cento, ventuno della ventinove risposte). Una percentuale più piccola ha nominato sesso sado-masochistico, esibizionismo, sesso con animali, telefonate oscene, travestitismo.

Sono stati riscontrati anche casi di asfissia sessuale (la pratica di auto-strangolarsi con corde o di mettersi un sacchetto sulla testa per ridurre l'apporto di ossigeno ai polmoni), e di fantasie e messe in atto di pratiche dolorose durante la masturbazione; un soggetto riferisce delle sue abitudini a pizzicarsi la regione dell'addome con pinze, ami da pesca o piccoli coltelli durante la masturbazione. A sedici anni lo stesso soggetto commise un gesto suicida sparandosi all' addome con una pistola calibro .38. Corrispondenze statisticamente rilevanti sono state trovate nell'attività sessuale da adulto dei soggetti che avevano ammesso esperienze bizzarre in gioventù .Daquesti dati emergono elementi preoccupanti ed a mio avviso molto significativi come il fatto per esempio che ventidue su trentasei intervistati abbia ammesso di aver avuto fantasie di stupro e ben la metà di questi abbiano detto di aver avuto le prime fra i dodici ed i quattordici anni.

Altro dato molto eloquente mi sembra il 43 per cento di abusi sessuali durante l'infanzia.
Una estesa comparazione è stata eseguita fra i soggetti che avevano subito violenze durante l'infanzia e quelli che non ne avevano subite rispetto ad alcune variabili della vita familiare. Dei dodici soggetti vittime di violenze nella prima infanzia il 42 per cento ha detto di avere una relazione fredda ed inconsistente con la madre, il doppio esatto rispetto allo stesso dato (21 per cento) dei soggetti che non avevano subito violenze. Per quanto riguarda le relazioni col padre si conferma il dato precedente in modo ancora più eclatante. I soggetti con violenze subite hanno detto di avere un rapporto freddo ed ostile col padre nel 92 per cento dei casi, mentre i soggetti senza violenze subite lo hanno dichiarato solamente nel 30 per cento dei casi .

In più il 53 per cento dei soggetti vittime di violenza viveva in condizioni economiche ristrette o molto basse rispetto al 33 per cento dei soggetti non vittime di abusi. Ancora, il 46 per cento dei soggetti abusati viveva in una famiglia effettuante frequenti traslochi e completamente slegata dalle comunità locali rispetto al 20 per cento dei soggetti non abusati. Non sono state invece riscontrate grandi differenze fra i due campioni per quanto riguarda il genitore dominante o la stabilità affettiva della famiglia.


PAG. | PRIMA | SECONDA | TERZA




L'infanzia del serial killer: ambiente sociale ed eventi formativi

Pag. 3 - Elementi del comportamento

In questa sezione vedremo tutti quei comportamenti insoliti che gli investigatori ritengono di grande importanza per determinare poi le motivazioni degli atti criminali compiuti da adulti. In questo settore rientra l'oramai famigerata Triade di McDonald: Enuresi, Piromania, Crudeltà sugli animali. Questi tre comportamenti sono stati riscontrati dalla maggioranza dei serial killers intervistati e/o studiati dall' F.B.I., anche e soprattutto all' esterno di questa ricerca dei trentasei individui. L'enuresi è un comportamento non inusuale nei bambini, quella però qui presa in considerazione è una forma quasi patologica e protratta anche fino all'età di quindici/sedici anni.

Spesso ha un effetto doppiamente negativo per il soggetto. Sensazioni di inadeguatezza, immaturità e vergogna sono frequentemente aggravate dalle reazioni sproporzionate dei genitori o di altri parenti come zii o fratelli/sorelle che deridono il soggetto provocando un ulteriore trauma ed una escalation di rabbia dovuta alla sensazione di impotenza. Per piromania anche qui si intende una forma vicina alla patologia dove vi sia una sensazione rispetto all'appiccare i fuochi molto vicina alla compulsione, un atto che gratifica molto il soggetto e che pretende di essere ripetuto in modo ossessivo. Esempio fulgido il giovane David Berkowitz, il killer di coppiette di New York che da adolescente era riuscito ad accendere più di duemila fuochi nell'area metropolitana di New York.

Infine, per quanto riguarda la crudeltà sugli animali non si può realmente parlare di forme patologiche e non ma casomai di gravità delle manifestazioni. L'atto infatti è di per se un segnale di anomalie caratteriali del bambino. Si considerano gravi le forme in cui oltre alla tortura di animali domestici si passa all'uccisione e allo smembramento di animali da cortile o domestici. Il giovane Ed Kemper era terribilmente affascinato dalla morte e dal "funzionamento" degli esseri viventi e, oltre a praticare pericolosi giochi con sua sorella come vittima catturava, squartava e sezionava con rinnovato e sempre più morboso interesse i gatti del vicinato.

Il giovane Jeffrey Dahmer, dal canto suo, passava intere giornate in cerca di animali morti per strada, li portava a casa e dopo averli sezionati, fotografati disegnati e dipinti nelle varie fasi della dissezione compiva esperimenti sullo sciogliere i resti con l'acido oppure triturare le ossa e liberarsi per altri versi delle carni. In modo prevedibile queste insane pratiche giovanili sono divenute le esperte tecniche di un adulto serial killer, organizzato in ogni minimo dettaglio. Gli elementi di spicco per quanto riguarda la prima infanzia sono che più del cinquanta per cento dei soggetti ha manifestato i seguenti comportamenti: Sogni ad occhi aperti o fantasie (82%), masturbazione compulsiva (82%), Isolamento (71%), enuresi (68%), tendenza alla ribellione (67%), incubi notturni (67%), distruzione di proprietà (58%, piromania (56%), furto (56%) e crudeltà verso i pari (54%).

Per quanto riguarda l'adolescenza il panorama è soltanto leggermente diverso, più del cinquanta per cento dei soggetti ha manifestato: iniziative violente verso gli adulti (84 per cento), tendenza alla ribellione (84%), ancora masturbazione compulsiva alla stessa percentuale dell'infanzia (82%), fantasie (81%), ancora isolamento, in percentuale maggiore rispetto alla prima infanzia (77%rispetto al 71 della fase precedente), crudeltà verso i bambini, in percentuale aumentata anche questa caratteristica (64% rispetto a 54%).
Ma forse la caratteristica più evidente è che quasi la metà dei soggetti porta avanti con determinazione e regolarità un progressivo pattern di violenza sugli animali.
Per quello che concerne il periodo adulto, assistiamo allo stabilizzarsi di alcuni elementi che si erano rivelati peculiari nella fase adolescenziale più l'aumento notevole di qualche altra caratteristica precedentemente poco rilevante. Più del cinquanta per cento dei soggetti infatti presenta le seguenti caratteristiche: azioni violente verso gli adulti (aumentate dall'84 all'86 per cento a discapito della crudeltà sugli animali, che diminuisce notevolmente), fantasie (stabili all'81 per cento), masturbazione compulsiva (81%), isolamento (73%) e bassa considerazione di sè (62%).

Prima di affrontare una visione generale, bisogna fare una distinzione fra indicatori di comportamento interni ed esterni. I comportamenti interni sono quelli propri del soggetto e che esperisce all'interno della sua emotività. Quelli esterni sono quelli che palesemente possono essere osservati dagli altri. I comportamenti interni più diffusi trasversalmente ai tre periodi sono: fantasie, masturbazione compulsiva ed isolamento. I comportamenti esterni più presenti in generale sono invece il mentire patologico, la tendenza alla ribellione, il furto, la crudeltà verso i bambini e l'aggressività manifesta verso gli adulti.
E' stato riconosciuto a questo insieme di caratteristiche il nodo principale da cui si può formare una personalità antisociale, risentita in modo violento ed estremamente egoistica che si manifesta più tardi nella vita attraverso l'omicidio in serie, una base solida dalla quale raramente sembrano esserci altre uscite, un insieme di costrutti mentali che porta troppo spesso alla considerazione dell'altro come un mezzo per arrivare alla propria soddisfazione, allo sfogo della rabbia, al piacere sessuale.

L'impossibilità di simpatizzare o avere sentimenti positivi verso una vittima è inevitabile. Un altro importante tema che è stato analizzato è il grado di adattamento sociale. Un altro paradigma sembra affiorare a questo proposito. Più precisamente quello che nonostante i mezzi mentali e familiari di ottenere successo dalle attività della vita, molto spesso queste persone hanno grosse difficoltà con la scuola, il lavoro, il servizio militare. Per quello che riguarda le posizioni lavorative vediamo i dati più eloquenti di questa sezione. Solo il 20 per cento dei soggetti possedevano un lavoro stabile. Ben il sessantanove per cento aveva lavori vacanti. Questo dato è molto importante, perché bisogna ricordarsi che qui è il senso di adattamento sociale che viene preso in considerazione; ad esclusione di pochi, la maggior parte dei serial killers sarebbero perfettamente in grado di trovare lavori di concetto ed inserirsi nella società.

Nonostante ciò questo non succede nella maggior parte dei casi. Esempi di questa categoria ce ne sono ovunque nella casistica statunitense, John Wayne Gacy, l'assassino vestito da clown, era un indefesso lavoratore; due volte cittadino dell'anno a Springfield, la capitale dell'Illinois, aveva un'impresa tutta sua ed era famoso per lavorare dalle dieci alle tredici ore al giorno. La scuola però non era il suo forte, ha ripetuto più volte il quarto grado elementare prima di abbandonare definitivamente gli studi. Ted Bundy, conosciuto per essere un brillante studente di legge prima di iniziare la sua corsa omicida conclusa quasi in follia, non ha mai lavorato in un impiego stabile e si è alla fine lanciato in una serie di viaggi attraverso gli Stati dell'America con carte di credito false e soldi dei genitori e della sua compagna.

Neanche le prestazioni durante il servizio militare sono troppo buone: quattro dei soggetti hanno avuto problemi con la legge nel contesto del servizio, e otto di loro sono stati congedati con disonore a causa di comportamenti violenti e antipatriottici e resistenza alla disciplina degli ufficiali. Addirittura uno dei quattro soldati congedati con onore del gruppo confessa che le sue fantasie, che avevano avuto sempre e soltanto lui come soggetto, dopo il ritorno dal Vietnam si sono trasformate in desiderio di rivalsa, vendetta e violenza verso le donne e la società. In conclusione possiamo dire che non sappiamo con certezza se questi siano gli elementi che fanno di un uomo un assassino seriale anche perché quasi tutti gli intervistati avevano i numeri e le possibilità per diventare rispettabili membri della società.

Certo è che il concorso fra i fattori ambientali, familiari e caratteriali sopra elencati fanno sì che una persona si isoli gradualmente dalla società in modo patologico e carico di risentimento; l'isolamento stesso è conseguenza ed origine dello sviluppo della personalità antisociale in quanto la chiusura in se stessi dovuta ad un cattivo rapporto con l'esterno fa sì che i soggetti si allontanino anche da quelle figure potenzialmente positive come gruppi di pari ma anche insegnanti, genitori, dottori.


PAG. | PRIMA | SECONDA | TERZA




 

 

  Definizione di Serial Killer
  Assassino seriale
  Prospettiva comportamentista
  Dinamiche comportamentali
  Patologie dei serial killer
  Modelli motivazionali
  L'infanzia del serial killer
  Le fantasie violente
  Cacciatori di Serial Killer
  Omicidi seriali in Italia
  Biografie di serial killer
  Serial Killer e Satanismo

         Shop | Libri Serial Killer     Serial Killer eBook     Serial Killer DVD     Serial Killer T-shirts

COPYRIGHT © 2007 | http://iserialkiller.altervista.org | ALL RIGHTS RESERVED